La salvezza non è più un miraggio. Clap clap a Mauro Mereu

Sei punti nelle ultime cinque partite disputate è una buonissima media per una squadra pericolante come quelle del centro Sardegna. Lasciato alle spalle l’ultimo posto, aggancia il S. Espedito Napoli e bracca Il Circolo Prato ad una sola lunghezza di distacco. I due portoghesi giallo blu hanno dovuto tirare fuori il miglior repertorio per domare un terzetto molto combattivo e per nulla rinunciatario. La classifica fa meno paura ma nessuno ha voglia di illudersi. “Mi congratulo con i ragazzi – dice il presidente Simone Carrucciu – che purtroppo non ho potuto seguire dal vivo ma ero con loro, minuto dopo minuto, con la mente e il live score a portata di smartphone. Non siamo più l’ultima ruota del carro e concorriamo alla pari con le altre duellanti per mantenere la permanenza nella serie in un finale di campionato che si preannuncia da thrilling”.

Mauro Mereu e Simone Carrucciu protagonisti a Gela (Nonsolofoto Cagliari)

MAURO MEREU STREPITOSO: SECONDO POSTO AL TORNEO PARALIMPICO DI GELA

Il presidente Giallo Blu, messo davanti ad un bivio, Villa Bagno o Gela, ha preferito la via siciliana perché oltre ad essere onorato di accompagnare Mauro Mereu al 2° Torneo Nazionale Paralimpico è anche membro della Commissione Paralimpica della FITET, avendo di conseguenza l’opportunità di rinverdire i rapporti con tutto il movimento.

E la piazza d’onore conquistata dal pongista di Soleminis ha reso ancor più piacevole la lunga trasferta. Nel girone riservato al Singolo Assoluto Maschile di classe 7 ha battuto Francesco Fosa (A.S. Dilettantistica Centro Pol. Uisp Germaine Lecocq) e Andrea La Chiusa (A.S. Dilettantistica Orizzonte) senza lasciare loro neanche un set. Cede però a Giovanni La Mattina (Associazione Sportiva Dilettantistica Radiosa) dopo essersi aggiudicato il primo set ai vantaggi.

Mauro Mereu impegnato a Gela

Esperienza unica ed entusiasmante che Mauro Mereu ha ricordato così: “Tutto è stato indimenticabile, a partire dal viaggio durante il quale il bel tempo ci ha accompagnato, nonostante il forte vento. A Gela ho alloggiato in un albergo bellissimo dove si mangiava veramente bene. E poi avevo un compagno di viaggio premuroso ma anche importante che ha saputo valorizzare qualsiasi momento della nostra permanenza. Quanto al torneo ho esordito un po’ contratto, poi mi sono acclimatato e la vittoria è giunta automaticamente. La seconda sfida è stata appena, appena meno difficoltosa dell’altra. Nel terzo incontro, che poi era di per sé una finale, sono partito bene sbloccando il risultato. Lui però ha cambiato impostazione tattica sfruttando al meglio gomme e puntini. Ovviamente ho qualcosa da rimproverarmi, come per esempio la scarsa concentrazione in alcune fasi del match e poi devo apparire più spavaldo perché il volto angelico agevola l’avversario. In fin dei conti reputo di essere migliorato assai rispetto alla mia ultima apparizione e questo mi rende fiero di avere due allenatrici competenti come Ana Brzan e Martina Mura. Ringrazio tutte le cellule del Tennistavolo e come sempre..Crediamoci”!

Simone Carrucciu e Mauro Mereu affiancati durante la premiazione a Gela
Campionato Serie A1 Maschile – Girone unico
Recupero Quarta giornata di ritornoDomenica 27 febbraio 2022Ore 17:30
Sede di GiocoPalestra scolastica – Via Lasagni – Villa Bagno (RE)
TT. Reggio Emilia FervalA.S.D. Tennistavolo Norbello14

DIOGO SUPERSTAR, ENIO ADORA I FINALI CONCITATI

È un piacere osservare attentamente l’impostazione di gioco espressa da Diogo Carvalho. I tifosi norbellesi solo in due circostanze l’hanno visto più vulnerabile della norma, per il resto la sua supremazia è stata esemplare. Come successo anche con Andrea Puppo e Daniele Pinto, a cui non ha lasciato nessun set. Al contrario il suo connazionale Enio Mendes ama il rischio e sa complicarsi la vita anche quando tutto dovrebbe procedere per il meglio. Gli svarioni mentali vengono compensati al momento giusto quando c’è da ripristinare la legge del più forte. Damiano Seretti si è trovato addirittura la palla del match a disposizione e a quel punto davvero in pochi ipotizzavano il prodigioso ribaltamento che solo una persona di incommensurabile temperamento avrebbe potuto pianificare. Quel successo ha tanti significati perché diversamente sarebbe stato un punto in meno in classifica e differenza scontri diretti a favore del Reggio Emilia. Meno tribolato l’incontro vinto su Puppo, ma anche in quella circostanza il padrone di casa non si è arreso facilmente. Prezioso come sempre anche l’apporto di Pasquale Vellucci specie in panca quando media (con un buon umore mai in naftalina), tra il tecnico Eliseo Litterio e il duo iberico. “È stata una partita sofferta, ma bellissima – afferma il pongista campano – nella quale Diogo è passato sopra tutti abbastanza facilmente dimostrando che è di un altro livello. Io ho giocato una buona partita con Pinto poi però nei punti decisivi lui è stato più bravo. Enio Mendes ci ha fatto tremare contro Seretti, vincendo 3-2 ai vantaggi e annullando un match point. Ma con grande esperienza è riuscito a portare a casa i due punti che insieme ai due di Diogo, ci hanno portato ad una vittoria molto importante in chiave salvezza”.

Diogo Carvalho (Nonsolofoto Cagliari)
Enio Mendes
Pasquale Vellucci (Nonsolofoto Cagliari)

Anche Eliseo Litterio non vede l’ora di esternare il suo vivo apprezzamento: “I ragazzi hanno offerto una magistrale prestazione. In realtà non avevamo alternative e meno male che tutto è riuscito bene. Già nella pretattica sono riuscito a far giocare Puppo/Pinto con Carvalho e Seretti/Puppo con Mendes, facendo in modo che la partita si chiudesse 4-1, con differenza punti a nostro vantaggio. In panca abbiamo sudato freddo specie quando Mendes si è trascinato la gara con Seretti fino al quinto set. Carvalho è invece un rullo compressore, ha giocato benissimo. Pasquale si impegna come sempre, ma non ha avuto chances opposto a Daniele Pinto.

Il tecnico Eliseo Litterio(Nonsolofoto Cagliari)