Che bello impegnarsi a fondo, vincere e dedicarsi poi anima e corpo al Terzo tempo: non è un sogno

Che bello impegnarsi a fondo, vincere e dedicarsi poi anima e corpo al Terzo tempo: non è un sogno

- in Comunicati Stampa
0
Kuznetsov al servizio

COMUNICATO STAMPA N° 13 DEL 5 GENNAIO 2018

BEFANA PONGISTA: TUTTI CON LA SCOPA IN VIA AZUNI PER SPAZZARE VIA LE IMPURITA’ DEL TRIMESTRE PRECEDENTE

Non ci saranno scontri fatali o decisivi. Da qui fino alla fine dei campionati i luoghi comuni saranno banditi perché le due formazioni guilcerine potranno impressionare positivamente in qualsiasi momento, con avversarie siano esse più o meno accessibili.

Il segreto della salvezza è annidato in quell’azione scontata ed essenziale che si traduce in più sequenze di allenamenti fruttuosi e collettivi.

da sx Simone Carrucciu, Eleonora Trudu, Anna Fornasari e Gohar Atoyan

“Non mi faccio mai prendere dall’impeto – chiarisce il presidente Simone Carrucciu – altrimenti non saremmo mai stati qui a festeggiare vent’anni di storia. Preferisco dialogare con tecnici e giocatori alla ricerca di quell’obiettivo comune che ci ha sempre portati a destinazione. Atlete e atleti sanno benissimo che in questo sport, senza la pratica costante non si va da nessuna parte. Capisco che anche la fortuna sia una componente indispensabile per fare risultati ma penso come agli occhi di tutti sia ben distinguibile una gara affrontata con sufficienza e sciatteria, rispetto ad un’altra perduta ma stringendo sempre i denti e lottando su ogni palleggio. Perciò se i nostri atleti perdessero in questa seconda maniera gli applausi e le pacche d’incoraggiamento non mancherebbero mai. In caso contrario datemi il diritto di adombrarmi almeno un pochino. Spero che ciò non accada proprio nel giorno della Befana che tutte le feste si porta via”.

Per la partita doppia epifanica si attende un pubblico rumoroso (l’ingresso è come sempre gratuito), disposto a sostenere le squadre con ogni mezzo lecito (anche scope da strisciare sul pavimento) che faccia sentire preponderante il fattore casa ai propri atleti.

Il pubblico norbellese può dare un aiutino in più ai due collettivi (Foto Gianluca Piu)
Campionato Serie A1 Femminile – Girone Unico Nazionale
Sesta giornata di andata Sabato 6 gennaio 2018 Ore 18:30

 

Sede di Gioco Palestra Comunale – Via Azuni – Norbello
Tennistavolo Norbello Comuni del Guilcer Eppan Tischtennis Bolzano 0 0

VOGLIA DI FARE PUNTI

Un trio tutto italiano cercherà di prendersi l’intera posta messa in palio nella struttura norbellese. Ma se le padrone di casa si mostreranno particolarmente agguerrite il team alto atesino dovrà soffrire non poco per legittimare i propri desideri. La più in forma delle ospiti appare la magiostrina Giulia Cavalli che ha il 66,7% di rendimento e due sole sconfitte patite dalla castellana Le Thi Hong e Farladanska (Cortemaggiore). Debora Vivarelli e Denisa Zancaner stazionano al 50% di media con tre sconfitte a testa. Il team ospite si è esaltato contro Bagnolese e Quattro Mori Cagliari, ma ha anche diviso il bottino con Cortemaggiore. Unica compagine ad averla sconfitta fino a questo momento è stata la regina scudettata Castel Goffredo.

Aleksandra Privalova

Tra le mura amiche il tecnico Franco Esposito si augura di vedere un’Alessandra Privalova degna del suo lusinghiero background, supportata da una Diana Styhar che fino a questo momento si è distinta per impegno e spirito di squadra. I tifosi riserveranno un tifo speciale ad Anna Fornasari, ancora alla ricerca del primo successo personale in questo campionato.

Diana Styhar (Foto Gianluca Piu)
Campionato Serie A1 Maschile – Girone Unico Nazionale
Sesta giornata di andata Sabato 6 gennaio 2018 Ore 18:30

 

Sede di Gioco Palestra Comunale – Via Azuni – Norbello
Tennistavolo Norbello Comuni del Guilcer Cral Comune di Roma 0 0

 RIMEMBRANDO LA SCORSA PRIMAVERA

Il tecnico del team norbellese Eliseo Litterio è costretto a guardare dal basso verso l’alto il terzetto di marca capitolina: non riesce a capire se le tre lunghezze di gap siano un’inezia o un solco profondo. Ma ricorda con piacere ciò che accadde la sera del 25 marzo scorso, quando i suoi giallo blu espugnarono il campo del Cral ottenendo i punti decisivi per la salvezza.

Kuznetsov e Paolino Bisi esattamente un anno fa (Foto Gianluca Piu)

Si affida al temperamento del suo corregionale Romualdo Manna che con l’aiuto del pubblico riesce a scuotere addirittura quella sfinge chiamata Seun Ajetunmobi: tra qualche alto e molti bassi rappresenta sempre l’atleta più pericoloso. Ma giocatore pieno di sorprese è anche Maxim Kuznetsov, quest’anno ancora all’asciutto di vittorie.

Seun Ajetunmobi gioca con le articolazioni (Foto Gianluca Piu)

Dall’altra parte della barricata c’è una squadra molto affiatata che non muta da tre stagioni. Fiore all’occhiello rimane Paolino Bisi che vanta un 62,5%, condizionato dalle battute d’arresto subite con Amato (Messina), Ismailov (Carrara) e Yefimov (Lomellino). Federico Pavan viaggia al 33,3% mentre Nicola Di Fiore rappresenta un ottimo gregario, pronto a sacrificarsi per gli altri (22,2%). Nel suo percorso il Cral è stato sconfitto da Apuania e Lomellino. Ha totalizzato due 3-3 con Messina e Marcozzi. Unica vittoria quella ottenuta sul Castel Goffredo.

Kuznetsov al servizio

You may also like

Piovono tegole ma il casco è resistente

COMUNICATO STAMPA N° 34 DEL 24 APRILE 2018