Comunicato stampa Tennistavolo Norbello N° 14 del 23-11-2014

Comunicato Stampa N° 14 – 23 novembre 2014

EPPUR SI MUOVE

Ci sono gli imprevisti e le probabilità, ma i “tre passi indietro con tanti auguri” sono stati evitati accuratamente. Alla fine di una serata piena di emozioni si è comunque gioito: la classifica è mutata per tutte le protagoniste impegnate in via Azuni. Orfane di Niko Stefanova, le norbellissime guadagnano comunque un punto prezioso che le tiene in zone alte della classifica. Il team dell’altro sesso si ritrova di fronte un’avversaria priva del campione egiziano Assar, ma ne approfitta solo a metà. In A2 doppio pareggio per la squadra impegnata nel concentramento di Termeno: due punti che fanno ben sperare in chiave salvezza.
La parte dei leoni la fanno i superbi pongisti della D2 che risolvono al loro favore il big match con il Guspini mettendo una seria ipoteca sul passaggio di categoria. Nel solito appuntamento conviviale della notte la società guilcerina ha ringraziato tutti i protagonisti con l’ennesima serata dai toni magici durante la quale i nervi si sono sciolti con il sopravanzare della serenità più sfrenata. Ma attenzione, il prossimo sabato sarà di nuovo partita doppia.

ANCORA APERTE LE ISCRIZIONI AL CONCORSO FOTOGRAFICO INTERNAZIONALE

Un’altra settimana a disposizione per gli amanti della fotografia. Entro il 30 novembre si possono spedire i lavori rispecchianti il tema dell’edizione 2014 intitolata “Tennistavolo e Giovani”. Giunto alla sua quarta edizione, il Concorso Fotografico Internazionale “Obiettivo Tennistavolo”, organizzato dalla società pongistica norbellese, è aperto a tutti gli appassionati del mondo che possono spedire gli scatti in formato JPG ad alta risoluzione all’indirizzo [email protected]; accompagnati dalla scheda di adesione compilata.
Saranno premiati i primi tre classificati, ma il vincitore riceverà una Fotocamera Compatta Digitale con custodia. Il regolamento completo si trova sul sito www.tennistavolonorbello.it

Serie A1 Femminile – Girone Unico Nazionale

Quarta giornata di andata – Sabato 22 Novembre 2014 – Ore 18:30

A.S.D. Tennistavolo Norbello Asv Eppan Tischtennis Raiffeisen Bolzano 3 3

DI MEO SCATENATA, PAPADAKI OK!

La pre tattica ha forse premiato le ragazze alto atesine guidate da Jason Davide Luini. Da tempo assente dai piani alti della disciplina, Elisa Caraffa ricompare all’improvviso per sostituire la romana Claudia Carassia, assorbita dagli impegni universitari. Viene schierata come n. 1 con la speranza di farla scontrare con Marialucia Di Meo anche lei all’esordio stagionale nella massima serie in sostituzione di Niko Stefanova. Lo schema tattico dell’Appiano propone come numero 3 la cinese Zu Li che così evita Angeliki Papadaki, la prima ad entrare in campo per la compagine locale e che se la vede con l’azzurra Debora Vivarelli. La greca parte bene, si fa recuperare i due set di vantaggio, ma è brava a ritrovare l’insieme delle forze nel set decisivo. La striscia positiva prosegue con la piccola impresa dell’avellinese Di Meo che sotto per 2 set ad uno e 1/6 nel terzo, riesce a leggere molto bene la partita dando vita ad una clamorosa rimonta. Purtroppo la crisi nera di risultati (ma non del gioco) continua ad abbattersi sulla palermitana Marina Conciauro, vittima stavolta dei colpi di una Zu Li superiore ma non irresistibile. A Papadaki il compito di portare di nuovo a più due il vantaggio della sua squadra con una superba vittoria su Caraffa. Conciauro lotta con tutte le sue forze contro Vivarelli, avrebbe l’opportunità di aggiudicarsi il secondo set che le permetterebbe di pareggiare i conti, ma lo perde ai vantaggi. Dimezza le distanze per poi arrendersi definitivamente nella quarta frazione.
Nel match conclusivo, Marialucia Di Meo affronta la cinese a viso aperto. Ne esce fuori la gara più gradevole della serata, sovente con scambi velocissimi, prolungati e di estrema potenza. La chiave di volta in un terzo set incerto fino all’ultimo. Viene premiata la giocatrice ospite che portandosi in vantaggio, può gestire meglio il set conclusivo, regalando il primo punto stagionale alla formazione del nord Italia.

LE OPINIONI DELLE GIALLOBLU

Marialucia Di Meo: “Quando ho visto la formazione non ero contentissima di incontrare immediatamente la Caraffa. L’ho sfidata spesso in passato e solitamente mi batteva. Avrei preferito incontrarla dopo. Ha un gioco a me non molto congeniale; ad un certo punto della gara ho temuto di non potercela fare, ma sono riuscita a raddrizzare il match. Contro la cinese non avevo nulla da perdere e sono partita molto carica, volevo a tutti i costi produrre qualcosa di buono e questo aiuta. Ho avuto troppa paura nel momento in cui mi sono trovata con la palla del terzo set a disposizione, forse avrei dovuto rischiare qualcosa in più. Ero molto tesa perché dopo la gara di Ettu Cup non avevo più giocato e anche la confidenza con la pallina nuova era davvero minima, al punto che per me rappresenta ancora un’incognita sotto molti punti di vista. A parte tutto questo è un punto importante ai fini della salvezza, sono contenta di aver contribuito attivamente.
Marina sta giocando bene però le manca il punto decisivo. Contro la Vivarelli, se portava a casa il secondo set, cambiava tutto. Spero che esca da questo periodo nero, la mia compagna è una dura. La forma di Angelina continua ad essere eccellente e in campo si è visto. Ha avuto qualche calo di concentrazione ma quando recupera la testa può battere chiunque”.

Angeliki Papadaki: “Quando ho saputo che Niko non poteva giocare ho pensato che sarebbe stato molto difficile fare punti. Ma sono stata smentita della prestazione di Maria Lucia che si è espressa ad alti livelli. Io sono entrata in campo estremamente decisa nel portare a casa due vittorie. Alla fine questo pareggio ci va più che bene. In questo ultimo periodo mi sono tenuta in forma con un torneo individuale in Germania durante il quale avevo già battuto Debora Vivarelli. Anche con la nazionale sono obbligata periodicamente a seguire degli stage di preparazione fisica e atletica ad Atene; sono tornata a casa per questo. Ora resterò in Sardegna fino alla vigilia di Natale”.

Marina Conciauro: “Sono contenta per il gioco espresso, anche perché sto prendendo maggiore confidenza con la nuova pallina; a furia di insistere i risultati arriveranno. Ho giocato molto bene soprattutto contro Debora Vivarelli, quindi mi ritengo molto soddisfatta. A me sta girando tutto male, so che ci sono di questi periodi, l’importante è continuare con l’allenamento e prima o poi passerà questa brutta fase negativa.
Le nostre avversarie sono state molto brave nel mettere in campo una formazione che alla fine ha prodotto dei frutti. Però se Angy fosse riuscita ad incontrare la cinese e non la Caraffa avremmo avuto maggiori possibilità di vittoria. Ci accontentiamo lo stesso perché Marialucia ha riacciuffato un match che ormai sembrava perduto, quindi a mio avviso questo pari è importantissimo per la classifica”.

Serie A1 Maschile – Girone Unico Nazionale

Quarta giornata di andata – Sabato 22 Novembre 2014 – Ore 18:30

A.S.D. Tennistavolo Norbello Frandent Group Cus Torino 3 3

LU LEYI PREFERISCE IL SUO FANTASMA

C’è un moderato ottimismo tra i supporter giallo blu perché la formazione piemontese si presenta a Norbello priva dell’egiziano 100% Assan. Al suo posto c’è il giovane classe 2000 Elio Ferrara, per la prima volta coinvolto nelle atmosfere della massima serie. Le aspettative di vittoria vengono però contraddette dal tavolo che mostra ancora un Lu Leyi impacciato e un Maxim Kuznetsov che solo a tratti riesce ad impensierire i suoi avversari. Nella sua gara d’esordio lo zar guspinese in definitiva ha solo 5 punti di ritardo nei confronti di Romualdo Manna, ma sciupa un vantaggio di sei lunghezze (9 – 3 nel quarto set), che lo avrebbe riportato in una situazione di parità, dopo il doppio svantaggio iniziale.
Senza una grinza la prestazione di Francesco Lucesoli che con un secco 3 -0 mette all’angolo l’ex Roberto Negro.
Il disagio dell’atleta locale più rappresentativo (Lu Leyi) si palesa già nel match contro il piccolo Ferrara che addirittura fa suo il terzo set.
Negro riporta in vantaggio gli ospiti prevalendo dopo una lotta prolungata con Maxim Kuznetsov. Le preoccupazioni sul rendimento di Lu Leyi trovano conferma nel quinto match della serata: Romualdo Manna lo piega in tre set, nonostante l’orientale fosse reduce da una settimana di ritiro a Castel Goffredo. Sicuramente molto più lucido Francesco Lucesoli che chiude la serie ribadendo la sua superiorità anche sul volenteroso Ferrara.

DAGLI SPOGLIATOI DI VIA AZUNI

Provas Mondal (allenatore Tennistavolo Norbello): “Oggi si poteva vincere, ma solo Francesco Lucesoli ha fatto veramente molto bene. Lu Leyi, invece, non ha ancora recuperato quel divario che si è portato dietro con il ritardo di preparazione. Sto facendo il possibile per migliorarlo, ma ci sono giocatori che si riprendono subito e altri, come Lu, che hanno bisogno di più tempo. A parte tutto non mi aspettavo una prestazione così sotto tono da parte sua, sicuramente si è trovato a disagio con Romualdo Manna, abile nello sfruttare al meglio le sue gomme particolari. Lo stesso discorso vale anche per Maxim che ha sofferto parecchio anche le gomme di Negro. Complimenti quindi a Manna che ha espresso un ottimo gioco e nel contempo ha offuscato il temperamento dei miei giocatori, a prescindere dalla tecnica o dalla tattica. Secondo me il crollo è stato soprattutto psicologico e gli avversari hanno meritato i due punti e anche il giovane Ferrara ha dato molto fastidio”.

Francesco Lucesoli: “Oggi avevamo una grossa occasione per vincere e invece l’abbiamo buttata. Bisognava per forza incamerare due punti, considerata la loro importante assenza, però la pallina è rotonda, poteva andare meglio. I momenti difficili, nell’arco della stagione, ci sono per tutti. Bisogna capire quello che non sta funzionando e sistemarlo al meglio perché il campionato è lungo e sicuramente per salvarsi bisogna fare di più. Il campionato è forse il più equilibrato degli ultimi anni. Castel Goffredo rimane la squadra più forte, indipendentemente dal pareggio con Palermo, ma sta facendo molto bene anche Roma e la stessa Torino, se gioca in formazione completa. Per la salvezza non sarà facile e si dovrà lottare fino all’ultima giornata”.

Maxim Kuznetsov: “Seppur privi del loro giocatore di punta, gli avversari hanno dato il massimo che potevano. Il pareggio finale però non ci soddisfa perché le partite erano alla nostra portata. Purtroppo le mie due sconfitte e quella di Lu Leyi hanno inciso profondamente. Lo considero un punto perso più che uno guadagnato. Da parte mia recrimino la poca continuità di prestazioni, mi sono rilassato troppo in certe situazioni in cui pensavo che stessi gestendo al meglio dei vantaggi congrui e invece sono stato sorpreso dal ritorno dell’avversario come nel caso di Manna. Di Roberto Negro soffro tantissimo il suo tipo di gioco, ho lottato fino alla fine, ma tre set li ho persi male. Accetto il verdetto e vado avanti. Il campionato si sta rivelando molto equilibrato, anche Falcon Palermo, nostra concorrente per la salvezza, ha avuto un acuto contro il Castel Goffredo che ritengo comunque un poco più forte delle altre avversarie ma la loro supremazia non è schiacciante. E anche la Marcozzi non va sottovalutata perché ha dei giocatori validi. Ogni partita si può vincere o si può perdere, non c’è nulla di scontato”.

Serie A2 Femminile – Girone “B” Nazionale

2° Concentramento – Domenica 23 Novembre 2014 – Ore 11:00 – 14:00
Sede di gioco: Termeno (BZ)

A.S.D. Tennistavolo Norbello ASV Tramin (B) 3 3

C.S.D. Ask Kras Sgonico (Ts) A.S.D. Tennistavolo Norbello 3 3

RIENTRO DA IMBATTUTE

Grazie alle due gare vinte dalla tailandese Pam e ad un successo dell’italo – armena Gohar Atoyan, le norbelline strappano un pari al fanalino di coda Tramin B. Stesso risultato anche nella gara successiva, la più difficile, contro il Kras. Il club del centro Sardegna era rappresentato anche dall’atleta nuraghese Eleonora Trudu.

Serie D2 Maschile – Girone “B” Regionale

Quarta giornata di andata – Sabato 22 Novembre 2014 – Ore 16:00

A.S.D. Tennistavolo Norbello ASD Tennis Tavolo Guspini (A) 4 2

LA VETTA E’ TUTTA GIALLO BLU

Prestazione maiuscola dei padroni di casa che preparano la sfida più importante del campionato con grande determinazione. Il primo a sfoggiare sicurezza e voglia di vincere è proprio il guspinese del Tennistavolo Norbello Silvio Dessì che liquida in tre set il sempre pericoloso Massimiliano Broccia. Un sorprendente Gioele Melis riesce a dare il punto del pareggio agli ospiti: a farne le spese è Antonio Ledda. Seguono due sfide al cardiopalmo, ma i padroni di casa la spuntano al quinto con molta presenza di spirito: prima Nazzaro Pusceddu su Fabrizio Melis e poi Silvio Dessì su Gioele Melis. Il colpo di grazia lo dà ancora Pusceddu che batte Broccia al quarto set. Ininfluente il confronto successivo con Fabrizio Melis che supera Ledda.
I giallo blu guidano la classifica a punteggio pieno.

NAZZARO PUSCEDDU: “GARA ONESTA VINTA MERITATAMENTE”

Nazzaro Pusceddu: “È stata una gara bellissima, ma anche molto difficile. Sono contento delle mie due vittorie e di quelle del mio compagno Silvio Dessì. Abbiamo dato il massimo per conquistare i due punti, nonostante io fossi da oltre un anno fuori dall’ambiente agonistico; in effetti non è per niente semplice riprendere dopo tanto tempo. Specie quando di fronte ti ritrovi avversari come Fabrizio Melis o Massimiliano Broccia che sanno molto bene come gioco. Ma anche il giovane Gioele Melis ha dato molto filo da torcere. L’importante era vincere e ce l’abbiamo fatta dopo un’onesta partita di D2. Per essere la prima esperienza qui a Norbello devo dire che mi sto trovando molto bene”.

Ufficio Stampa A.S.D. Tennistavolo Norbello – E-Mail: [email protected]

www.tennistavolonorbello.it (News, calendari e risultati sempre aggiornati!)

N.B. Per qualsiasi altra informazione potete visitare i siti ufficiali della Federazione, www.fitet.org per l’attività Nazionale e www.fitetsardegna.org per quella Regionale.

Scarica in formato PDF il Comunicato stampa Tennistavolo Norbello N° 14 del 23-11-2014

Maxim Kuznetsov (Foto Gianluca Piu) Una fase del match tra Silvio Dessì e Gioele Melis Marina Conciauro (Foto Gianluca Piu) Marialucia Di Meo (Foto Gianluca Piu) La tailandese Pam (Foto Gianluca Piu) La panchina norbellese con Papadaki, Conciauro e il presidente Simone Carrucciu (Foto Gianluca Piu) Il tecnico Provas Mondal con Lu Leyi e Vilbene Mocci (Foto Gianluca Piu) Francesco Lucesoli (Foto Gianluca Piu) Angeliki Papadaki (Foto Gianluca Piu)